Rimedi per le varici, scleroterapia

Le varici rappresentano una dilatazione delle vene che colpisce gli arti inferiori causate da cattiva circolazione sanguigna. In molti casi, soprattutto se non sono voluminose, le varici (causate dall'inversione del flusso venoso) scompaiono da sole dopo poche settimane una volta abolito il reflusso. Altre volte, invece, il problema persiste e va trattato.

Il rimedio classico per le vene varicose è rappresentato dalla scleroterapia con schiuma. Si tratta di una tecnica ambulatoriale scarsamente invasiva in cui viene iniettato in vena un farmaco sclerosante in forma liquida o di schiuma che permette di trasformare le vene : dilatate in cordoni duri, fibrosi e pertanto inattivi. Ciò consente di normalizzare il circolo venoso ammalato.

 La complicanza più frequente è la iperpigmentazione che crea macchie lungo la gamba. In genere comunque il disturbo scompare nel giro di qualche giorno. In presenza di una varice lunga e abbastanza rettilinea ha una riuscita migliore l'intervento con i laser a fibra ottica con cui si chiudono le pareti interne del vaso. E un intervento meno doloroso e non crea iperpigmentazione. Dura mediamente intorno ai 30 minuti e ha un costo di circa 300 euro per gamba (il prezzo varia dalla vastità della zona da trattare).

La safena: ce ne sono due per ogni gamba, la grande safena (va dal piede alla vena femorale in area inguine) e la piccola safena (lungo la zona posteriore, dal piede fino a dietro il ginocchio). Il reflusso di sangue che si produce quando non sono più funzionanti causa varici e altri sintomi propn dell'insufficienza venosa: dolore, senso di peso. In Italia e ancora diffusa la safenectomia, ovvero l'asportazione (anche parziale) della safena.

Si pratica un'incisione a livello inguinale e una seconda incisione alla caviglia o sotto il ginocchio; attraverso questi taglietti è possibile introdurre nella safena un particolare strumento (stripper) che permette di sfilare la vena. Questa metodica comporta un certo grado di traumatismo per i tessuti e richiede una breve convalescenza perché dopo l'intervento è possibile avvertire dolore e bruciore in area inguinale, nella parte intema della coscia, lungo la gamba appaiono ematomi e alcune zone per qualche settimana rimangono poco sensibili al caldo e al freddo.

È una metodica che introduce la fibra in safena con la guida dell' ecografo, il laser ne determina il collasso e la chiusura abolendo cosi il reflusso. Si esegue in regime ambulatoriale, con anestesia locale, senza i tagli tipici della safenectomia, senza traumi ne ematomi e dolore post-operatorio. L'intervento dura dai 20 ai 40 minuti, prezzo circa 500 euro.

Come ridurre le zampe di gallina intorno gli occhi

Le cosiddette rughe a "zampe di gallina" sono quelle sottili linee che si formano intorno agli occhi. Sono antiestetiche e rivelano più di ogni altre l'età della persona. Sono dovute sicuramente all' età ma anche ad una certa abitudine a "strizzare" e succhiudere gli occhi quando c'è luce e sole.

Come ridurle? Lasciando per il momento da parte un lifting del viso, procedura piuttosto invasiva che comporta l'uso del bisturi del chirurgo estetico, possiamo optare per i filler dermali. Uno di questi, molto efficace è sicuramente l'acido ialuronico per infiltrazioni (costo a fiala 400-500 euro da ripetere dopo 5 mesi e durata dei risultati variabile fino a 10 mesi), ma anche la terapia con il botulino o botox riduce la contrazione dei muscoli che favoriscono queste rughe, che spesso non sono da invecchiamento ma semplicemente da espressione (costo a fiala circa 500 euro da ripetere dopo 4-6 mesi). In realtà il botulino da protocollo è indicato solo per le rughe glabellari, quelle che si formano verticalmente in mezzo alla fronte, ma sono in molti a proporlo contro le zampe di gallina. 
Attenzione all' uso comunque.

 In alternativa, si ricorre al laser a luce pulsata Regenlite, un trattamento più duraturo in quanto terapeutico (una seduta al mese per 4-6 volte al costo di 300 euro a seduta). 

Ancora c'è l'acido polilattico (nome commerciale Sculptra) (prezzo di 400-500 euro a seduta da ripetere una volta al mese per 4 volte). Anche in questo caso si tratta di un filler dermale non permanente, i cui effetti durano circa 4-5 mesi. A questo trattamento si può associare qualche seduta di RF radiofrequenza estetica (200 euro a seduta da ripetere dopo 2-3 settimane per 6-10 volte) o infrarossi (400-500 euro a seduta da ripetere dopo 4 settimane ripetute per 6 volte) per migliorare il tono cutaneo

Cicli di bio rivitalizzazioni con micro iniezioni di sostanze idratanti restituiscono alla pelle e alle rughe intorno agli occhi elasticità e compattezza (una seduta ogni due settimane. Costo: circa 200 euro a seduta) oppure, per chi volesse ricorrere a un trattamento senza aghi, molto efficace è la tecnica di Veicolazione transdermica più micro derma abrasione (una seduta ogni due settimane. Costo: circa 200 euro a seduta).

Tumore al Seno, reggiseno stretto e altri miti da Sfatare

Sono tanti i miti da sfatare a proposito delle cause che portano a sviluppare un tumore al seno. Ci sono le donne ad esempio che pensano che il reggiseno stretto fa venire una neoplasia, una persona su 3 intervistata per uno studio presentato a Chicago, al summit dell'American Society of Clinical Oncology ad esempio.
Uno studio condotto in Irlanda sulle false leggende del tumore al sene mette in mostra che la confusione dilaga, sfiorando in molti casi la leggenda metropolitana. «C'è un'ampia fetta di popolazione male informata sui fattori di rischio oncologico», riassumono gli autori. In generale, «molti sopravvalutano il peso della genetica come pure di ambiente e stress. Mentre i pericoli legati all'età, all'obesità e al sole sono sottovalutati».

L'atteggiamento che prevale è il fatalismo: una persona su 5 ritiene che il rischio di ammalarsi di cancro nel corso della vita non possa essere modificato, e per più di uno su 10 riuscire a evitare il tumore è solo una questione di fortuna. L'indagine ha coinvolto 525 persone dai 18 ai 74 anni, in maggioranza donne (86%). L'81% ammette di avere paura del cancro, ma il 20% ritiene che se il rischio è 'di famiglià non c'è nulla che si possa fare per dribblare la malattia. E ancora: il 20% non sa che la probabilità di sviluppare un tumore cresce con l'età, il 27% crede che più della metà dei tumori siano ereditari e appena il 32% è consapevole dei pericoli legati all'obesità.


I 5 fattori di rischio più citati sono fumo (85%), dieta (74%), alcol (44%), genetica (38%) e ambiente (31%), ma nella lista ci sono anche reggiseno stretto (33%) e traumi al seno (49%), telefoni cellulari (86%) e i cibi più svariati (formaggio, latte, cioccolato, uova e addirittura i 'virtuosì soia e vino rosso), compresi gli alimenti geneticamente modificati (81%). Nell'elenco dei 'cattivì ci sono pure detersivi (73%) e l'uso di aerosol (71%). E per non ammalarsi? Il 35% cita la dieta 'detox', il 61% i cibi biologici e il 12%, per l'appunto, la fortuna.

Per quanto riguarda i fattori di rischio reali per sviluppare un tumore al seno un nuovo studio, http://www.washingtonpost.com/national/health-science/study-finds-breast-cancer-risk-in-women-treated-with-radiation-as-kids-even-at-lower-doses/2012/06/04/gJQAplGMDV_story.html , presentato sempre all' American Society of Clinical Oncology mette in correlazione le radiazioni al torace fatte anche in giovane età da donne e lo sviluppo di cancro al seno.

Ringiovanire con il proprio sangue con la PRP

Si chiama PRP, platelet-rich plasma, plasma (il proprio) arricchito con le piastrine, la nuova tecnica di ringiovanimento per il viso. Distendere le rughe, eliminare i segni del tempo, ma anche cicatrici di ferite si può grazie alle iniezioni di proprio sangue arricchito di fattori di crescita piastrinici.

Come funziona: il trattamento PRP si esegue in anestesia locale, con una microcannula identica a quote usata nella liposuzione. Si preleva dalla pancia (oppure da glutei o dalle cosce) una piccola quantità di grasso, che viene subito trattato e centrifugato.Purificato, il tessuto adiposo viene quindi addizionato di piastrine estratte dai sangue del paziente (il prelievo 18 cc in tutto) è reiniettato con una siringa, all'interno dela cicatrice o della lesione da riparare per migliorare la cicatrice.

 Nel'arco di sei mesi, il tempo necessario affinché l'autoinnesto attecchisca e si stabilizzi si possono osservare dei notevoli miglioramenti dela cicatrice. Che diventa più sottile, più liscia e meno spessa. E. soprattutto, meno dolorosa I "buchi* lasciati da ulcere, ustioni e abrasioni si richiudono ed il tessuto cutaneo appare come rigenerato dall'interno. La tecnica Prp può essere utilizzata anche per distendere le rughe intorno agli occhi, alla bocca e quelle verticali della fronte.

Come Rimuovere un Tatuaggio

I tatuaggi sono belli, specialmente all' inizio, quando c'è la novità, ma hanno un difetto, a differenza del trucco permanente, sono permanenti. Quando ci siamo stancati, oppure quando abbiamo il desiderio di rimuoverli, o comunque cancellarli per cambiare disegno e colore esistono delle procedure per eliminarli. Escludendo la chirurgia, che comporta la comparsa di cicatrici, vediamo quali sono le tecniche di rimozione dei tatuaggi.

Elettrosalatura:
è una tecnica che si tende a non utilizzare più. Prevedeva un'applicazione giornaliera di una miscela a base di cloruro di sodio posta sul tatuaggio che provocava un'abrasione cutanea profonda. Per cancellare del tutto il disegno sono necessarie diverse sedute (da 3 a 6 mediamente). Alla fine del trattamento, è necessario continuare la medicazione della zona interessata per 3 settimane circa. Si tratta di una tecnica che offre comunque buoni risultati solo sui tatuaggi molto superficiali; negli altri casi, c'è il rischio che l'abrasione troppo profonda crei una zona di pelle più chiara oppure addirittura una cicatrice permanente. 

Laser Q-switched:
è la metodologia più utilizzata per eliminare i tatuaggi in modo efficace, sicuro e senza rischio di cicatrici. Si tratta di laser a impulsi ultraveloci: la durata dell'impulso di luce è nell'ordine del nanosecondo, cioè un milionesimo di secondo. Questo tipo di laser provoca una sorta di "micro-esplosione" dei pigmenti colorati che formano il tatuaggio; le particelle pigmentale vengono dunque progressivamente vaporizzate e poi eliminate attraverso i macrofagi, cellule che sono capaci di inglobare nel loro citoplasma particelle estranee e di distruggerle. Anche se offre ottimi risultati, il trattamento con i laser Q-switched non garantisce la stessa risposta su tutti i tatuaggi: molto dipende dall'estensione e, soprattutto, dal colore del tatuaggio. Non tutte le tinte, infatti, sono ugualmente sensibili all'azione del laser: il nero e il rosso sono i più facili da rimuovere, i più difficili sono il blu e verde; il giallo e il bianco possono anche non rispondere affatto al laser.

Acido polilattico per guance cadenti e rughe, prezzi

L'acido polilattico è uno degli ultimi ritrovati della medicina estetica per ridurre le rughe. Al pari di altri filler temporanei come l'acido ialuronico è completamente riassorbibile dal corpo umano, biocompatibile e privo di effetti allergenici.

Per i suoi precedenti usi in medicina, l'acido polilattico, nome commerciale Scluptra, è considerato uno dei prodotti per estetica più sicuri. Un altro fattore importante da considerare è che non è un filler permanente: le sue particelle si degradano lentamente, fino al completo assorbimento da parte dell'organismo in un paio di anni circa. Dermatologi e medici estetici, infatti, consigliano l'uso esclusivo di sostanze iniettive biodegradabili e riassorbibili.

Cosa fa:
l'acido polilattico è stato creato per chi vuole mantenere l'aspetto del viso il più naturale possibile, eliminando però i graduali effetti dell'invecchiamento, in particolare il rilassamento delle gote, lo svuotamento degli zigomi, le guance cadenti, gli avvallamenti prodotti dalla mancanza di "corpo" del tessuto connettivo e le rughe profonde, come i cosiddetti solchi della marionetta (agli angoli della bocca). Non è indicato invece per la correzione di regioni dinamiche del volto, quelle interessate dalla mimica facciale, in particolare le labbra e gli occhi.

Durata degli effetti: sicuramente più lunghi rispetto a botox e acido ialuronico. Dai 10 fino ai 18 mesi, dipende da paziente a paziente. L'acido polilattico raggiunge il suo massimo dopo 6 settimane dai primi trattamenti, inizia a perdere lentamente di efficacia e ad essere riassorbito dopo 7-8 mesi.

Prezzi di un trattamento con acido polilattico: per un ringiovanimento completo del viso si spendono anche 800-1000 euro. Dalle 300 alle 400 euro per trattamenti localizzati.

Studi Dentistici Napoli

Napoli, forse la città più importante del sud Italia, ha ovviamente la più alta concentrazione di studi dentistici dell' intera Regione Campania. C'è l'imbarazzo della scelta. Molti sono concentrati nella zona centrale, Chiaia, Vomero ma non mancano dentisti nelle zone limitrofe di Fuorigrotta, Bagnoli ma anche nei paesi come San Giorgio a Cremano. Quale studio dentistico scegliere? A chi affidarsi?La discriminante per qualcuno può essere rappresentata dal fattore prezzo, per altri dalla fiducia o dal consiglio di amici e parenti. Qualcuno cerca la comodità del dentista vicino casa, altri si lasciano "incantare" dai macchinari e da studi avveniristici nuovi di zecca.

Per "testare" uno studio dentistico a Napoli, capire quale far per noi possiamo approfittare del mese della prevenzione dentale. Solitamente si svolge ad ottobre. Per 30 giorni i pazienti possono essere visitati dai dentisti in maniera gratuita. L'iniziativa è promossa dall' Andi, associazione nazionale dentisti italiani. Telefonando al numero verde 800600110 si può avere l'elenco degli studi che aderiscono nella zona di Napoli. A quel punto basta chiamare il medico e prenotare unavisita gratuita. In questo modo abbiamo una isione di insieme di un certo numero di professionisti per scegliere quello che farà per noi.

Prima della scelta estrema, quella di rifarsi i denti all' estero, possiamo chiedere i prezzi ad esempio per uno sbiancamento dentale, per una pulizia, per le otturazioni oppure per interventi più complessi come l'implantologia o per le protesi dentali, fisse o mobili, parziali o totali.

Metodi per avere Denti Bianchi e perfetti

Come ottenere denti bianchi e splendenti senza spendere cifre folli? Con lo sbiancamento dentale, un trattamento che non ha particolari controindicazioni. Può essere eseguito da un dentista ma spesso lo effettua un' igienista dentale, professionisti che non mettono a rischio lo smalto dando ottimi risultati che durano nel tempo: un valido alleato alla normale prassi di igiene dentale.

Diverso è il discorso per i kit fai da te per lo sbiancamento dei denti. Si tratta di strisce o mascherine a base di sbiancanti chimici (clorito di sodio o acqua ossigenata) da tenere in posa qualche minuto. Si acquistano al supermercato o in farmacia, sbiancano poco e per pochi mesi. Il loro prezzo oscilla tra i 50 e 70 euro.
Possono irritare le gengive e sensibilizzare i denti perché i tempi di posa spesso non vengono rispettati e comunque non c'è un controllo preventivo e successivo da parte di un medico

Altre metodologie per avere denti bianchi:

Mascherine per i denti: sono create su misura dal dentista, aderiscono all'arcata dentaria e si indossano la notte per un paio di settimane con un gel a base di acqua ossigenata. Il risultato, ben visibile dura almeno un paio d'anni. La mascherina costa 400 euro e il gel 50. A distanza di tempo il dentista potrà consigliare se ripetere il trattamento. A quel punto, la spesa sarà solo per il gel (le mascherine si conservano).

Laser:
in un'unica seduta di mezzora il dentista applica sui denti il gel e subito dopo passa il laser. I denti possono essere più sensibili per qualche giorno, ma il medico vi avrà già prescritto dei collutori a base di fluoro. Lo sbiancamento, anche in questo caso, dura un paio d'anni, ma è immediato. Il prezzo è sui 500 euro.

Faccette di ceramica:
sono utilizzate da molti attori e restituiscono denti bianchi e soprattutto allineati. Sono faccette fatte in ceramica che si incollano sulla parte frontale dei denti, da canino a canino,, durano per moltissimo tempo e regalano una forma ed un sorriso perfetto. Prezzi a partire da 3mila euro.

Macchie scure della pelle del viso, come eliminarle

Quasi una donna su due, ma in maniera proporzionale un uomo su due, deve affrontate il problema delle macchie scure della pelle che si presentano sul viso, chiamate in gergo medico discromie cutanee.

Lo strato superiore della pelle, l'epidermide, esposto alla luce si difende producendo più melanina, il pigmento scuro che difende e "colora" la pelle quando ci si abbronza. Di solito la melanina prodotta in eccesso viene eliminata, ma quando il meccanismo s'inceppa, a causa dell'invecchiamento cutaneo o per squilibri ormonali, la pelle non riesce a riassorbirla in modo uniforme. E cosi rimangono macchie più scure sul viso, soprattutto sulla fronte, le arcate sopraccigliari, gli zigomi, le labbra.

Perchè si formano?
Alcuni farmaci, come per esempio gli antinfiammatori, gli antibiotici e gli antistaminici, sono fotosensibilizzanti, vedere precauzioni sulla tintarella, quindi possono scatenare in ogni tipo di pelle la tendenza a macchiarsi. Anche la pillola anticoncenzionale le può causare: gli ormoni estrogeni sono infatti responsabili delle macchie scure che si possono formare durante la gravidanza.

Rimedi per eliminare le macchie brune:
i trucchi cosmetici che le nascondono agiscono in due direzioni: attenuano le macchie scure già esistenti e prevengono la formazione di nuove. Per rendere meno evidenti le iperpigmentazioni scure le nuove specialità puntano su formulazioni esclusive che permettono di schiarire e attenuare le macchie brune attraverso un'esfoliazione superficiale della pelle.

Inoltre bloccano in profondità tutti i processi coinvolti nell'accumulo eccessivo di melanina e attivano il processo di rinnovamento cutaneo. Per contrastare la comparsa di nuove macchie bisogna agire sulla produzione di melanina: per questo nelle formule antimacchia non possono mancare filtri Uv, che schermano la pelle dalle radiazioni solari. Oltre a principi attivi e vitamine che regolano la ripartizione della melanina evitando che si accumuli.


Peeling: è un intervento che si effettua in ambulatorio, con un dermatologo. La pelle viene assottigliata tramite esfoliazione, in questo modo si eliminano le cellule sature di melanina. Si utilizza anche il laser Ipl a luce pulsata che agisce "scomponendo" a un livello più profondo le particelle cariche di melanina, che poi vengono riassorbite in modo spontaneo.

Prevenzione:
è importante usare una protezione solare tutto l'anno, non solo sulla neve o al mare, ma anche in città ogni giorno. Basta scegliere una crema da giorno con un fattore di protezione almeno di 15 da applicare su tutto il viso, mentre sulle zone che tendono a macchiarsi è meglio stendere una protezione da 30 in su, da applicare anche più volte al giorno.

Cosmetici per le macchie della pelle:

Ideale per trattare la pelle che presenta un colorito non uniforme, la linea Clairial dei Laboratoires SVR. Fanno parte della linea: Clairial C10, depigmentante da utilizzare da solo sera e mattina. Clairial Peel, un peeling che rigenera ed esfolia la pelle accelerando l'azione della crema depigmentante. Si utilizza una sera si e una no. ClairialSPF 50+. un trattamento 2 in 1 con protezione solare alta e azione depigmentante, si utilizza da solo tutte le mattine .

Dopo un trattamento di medicina estetica la pelle risulta particolarmente sensibile, per questo è necessario utilizzare cosmetici specifici. Come la linea
Protechnique di Rilastil. composta da Detergente, Crema Lenitiva, Maschera Lenitiva e Crema Antirughe. La novità è il Concentrato in gocce, un trattamento intensivo che agisce sulle aree iperpigmentate. Si utilizzano 1-2 gocce da sole per un'azione localizzata oppure 1-2 gocce miscelate alla crema abituale come mantenimento.

MELA D:LA ROCHE POSAY-PHAS(L'Oreal): crema depigmentante per viso e collo che corregge le macchie e omoginizza la pigmentazione cutanea attraverso: l'associazione esclusiva di acido cogico e del sistema filtrante e del sistema filtrante al mexoryl. X

Trucco Permanente, consigli e quanto costa

Il trucco permanente o semipermanente si differenzia da un normale tatuaggio. Nel nostro caso la durata va da 1 a due anni, a seconda del tipo di pelle, dell' esposizione al sole, dal ricambio cellulare differente da persona a persona; più si è giovani e maggiore è il ricambio di conseguenza minore la durata del trucco.

Per effettuare il trucco permanente si utilizzano dei pigmenti di origine minerale o sintetica rivestiti con sostanze biocompatibili che li rendono tollerabili sul corpo umano. Per effettuarli si usano aghi sottilissimi che lavorano a profondità inferiore nella pelle con un risultato meno invasivo rispetto ad un tradizionale tatuaggio comunemente usato per decorare la pelle.

Trucco permanente per gli occhi:
si disegna con il tattoo una sottile riga nera, simile all'èye liner, all'attaccatura delle ciglia per dare espressività allo sguardo ed, eventualmente, per migliorare la forma dell'occhio.

Trucco permanente per le labbra:
con i pigmenti si sottolinea il contorno delle labbra per rendere più importante la bocca; uscendo leggermente dal contorno naturale e sfumandolo verso l'interno si rendono le labbra più voluminose e carnose.

Trucco permanente per le sopracciglia:
il tatuaggio aiuta a rendere l'arco più armonico riempiendo i piccoli vuoti che si possono formare dopo anni di depilazione eccessiva.

Per nascondere le cicatrici:
usato per correggere cicatrici post-operatorie, sfregi, discromie (colorazione cutanea non uniforme, tipo macchie della pelle) e altri difetti della pelle come gli esiti di acne che possono creare forti disagi psicologici. Con la micropigmentazione, inoltre, si può ridisegnare l'areola del capezzolo dopo un intervento al seno, un gesto che può essere anche un aiuto psicologico per le donne operate.

Quanto costa:
Il trucco tatuato viene eseguito da estetiste esperte nella tecnica. Per evitare qualsiasi rischio è importante rivolgersi a un centro conosciuto dove operino professionisti seri e qualificati: estetista truccatori e pigmentisti in regola con i permessi comunali e che rispettino i protocolli operativi suggeriti dalle Asl (tutti i documenti devono essere esposti nel centro).
Questo da un lato offre la massima garanzia di sicurezza per la salute e dall'altro tutela da possibili danni di natura estetica dovuti alla scarsa competenza dell'operatore. I prezzi del trucco permanente vanno da 100 euro per semplici ritocchi fino a 500 euro per labbra, occhi e sopracciglia. A Roma e Milano c'è una buona abbondanza di centri qualificati. A Napoli e nel sud Italia, Palermo Catania e Bari si risparmia sicuramente qualcosina.

quanto dura il trucco permanente:
bisogna tenere conto che con il tempo il colore tende a sbiadire. Qui entra in gioco la capacità dell'operatore, che deve eseguire con abilità i ritocchi successivi per evitare risultati poco gradevoli: scegliendo colori freddi o caldi, a seconda della cromia naturale delle pelle, si ha la certezza che non si formino antiestetici aloni a mano a mano che il tratto si schiarisce. Solitamente dopo 1 anno il colore tende a sbiadire, ma se avete passato i 40 anni potrebbe durare anche 2 anni se ben fatto.

Biostimolazione Prp per ridurre le rughe del viso

La Biostimolazione Prp, dall'inglese Platelet Rich Plasma ovvero plasma arricchito con piastrine , è una tecnica di ringiovanimento cutaneo che restituisce freschezza e luminosità al viso. Come funziona: si preleva sangue venoso dal paziente che, trattato in maniera specifica, con l'aggiunta di un attivatore delle piastrine, viene iniettato nei punti in cui sono presenti rughe e segni del tempo. Il risultato finale regala una pelle più idratata, tonica e luminosa.

Utilizzato da anni in diversi campi della medicina, dall'ortopedia all'oculistica, dall' odontostomatologia alla chirurgia maxillo-facciale, il Prp è stato di recente applicato in medicina estetica per il ringiovanimento cutaneo. Una valida alternativa alla Biorivitalizzazione che fa uso di sostanze naturali e sintetiche.

La Biostimolazione Prp è in grado di favorire la rigenerazione profonda dei tessuti prevenendo e rendendo meno evidenti i segni del tempo come rughe, perdita di tono e cedimenti.

Le zone che si possono trattare con la biostimolazione sono viso, collo e décolleté sopra il seno; il Prp si dimostra comunque efficace in funzione anti-age anche in quelle parti del corpo che tendono a invecchiare presto come le mani, l'interno delle cosce e delle braccia.

Come funziona:
viene prelevato dal paziente sangue venoso (da 5 a 15 ml a seconda dell' ampiezza della zona da trattare), che successivamente è trattato in una particolare centrifuga per separare la frazione corpuscolata (quella contenente globuli rossi e che verrà scartata) da quella contenente plasma e piastrine, che viene conservata. A quest'ultima, concentrata da 2 a 5 volte più del normale, viene aggiunto uno specifico attivatore piastrinico che porta alla liberazione di granuli contenenti i fattori di crescita, responsabili del rinnovamento cellulare e, quindi, del ringiovanimento.

Il gel piastrinico che si ottiene con questo procedimento viene subito reiniettato nel derma della persona nelle zone con rughe.A differenza di altri trattamenti antiaging, il rilascio dei fattori di crescita da parte delle piastrine stimola le cellule staminali a rigenerare nuovo tessuto cutaneo con un'azione rivitalizzante intensa e duratura.

Subito dopo la seduta è possile riprendere le normali attività grazie al fatto che il Prp deriva dalla persona stessa, ovvero è di tipo autologo e non può presentare rischi di allergie o intossicazione di alcun genere. L'impiego di un ago molto fine inoltre, fa in modo che l'iniezione non sia dolorosa e che si percepisca solo una sensazione di leggero fastidio.

Nell' area trattata può presentarsi successivamente un modesto gonfiore e arrossamento che si risolvono spontaneamente in un paio di giorni.
L'effetto del trattamento si ha dopo circa due settimane, con la pelle più tonica, elastica e compatta fino a raggiungere il massimo dell' effetto dopo circa un mese.

Ogni quanto possiamo fare una Biostimolazione:
circa una volta ogni tre mesi.

Prezzi Biostimolazione Prp:
circa 300 euro per seduta con punte fino a 500 euro, dipende dalla vastità delle zone da trattare.

Criolipolisi, tecnica per la riduzione del grasso, funziona?

La criolipolisi è una tecnica non invasiva che permette la riduzione del grasso localizzato in zone ben specifiche del corpo, non idonea quindi per coloro che soffrono di obesità. Funziona? Riesce a ridurre l'adipe? Quanto costa? E' dolorosa? Prima di rispondere alle domande vediamo da vicino la metodologia di applicazione.

La criolipolisi, il nome commerciale con cui viene proposta è Coolsculpting by Zeltiq, è stata sviluppata dai alcuni dermatologi del General Hospital di Boston, in Massachusetts. Le ricerche dei medici hanno dimostrato che le cellule di grasso sono intrinsecamente più vulnerabili agli effetti del raffreddamento rispetto ad altri tessuti adiacenti, e che quindi l'adipe può essere rimosso grazie al "freddo" senza danneggiare la pelle.

Quando infatti le cellule adipose sono esposte al freddo si avvia un processo di morte naturale (apoptosi o morte programmata) delle stesse. Le cellule di grasso nella zona trattata dalla criolipolisi vengono gradualmente eliminate attraverso il normale processo metabolico del corpo. Il risultato è una significativa riduzione dei depositi di grasso, visibile in un periodo che va da 1 a 4 mesi.

Come funziona:
lo specialista applica un manipolo sulla zona del corpo da trattare, ad esempio maniglie dell'amore, braccia, cosce ecc. Grazie all' effetto Vacuum (Vuoto) il manipolo si "pinza" alla pelle raffreddandola portando una temperatura a 5 gradi sottozero. Il trattamento non dura poco, ci possono volere anche un paio di ore ed il paziente avverte una sensazione di fastidio piuttosto persistente.

Alla fine della seduta può comparire un leggero rossore nella zona trattata oppure ecchimosi localizzate, che scompaiono in pochi giorni. Alcuni pazienti avvertono una sensazione di intorpidimento della zona trattata, che possono durare da 1 a 8 settimane.

Dopo quanto tempo si notano i risultati della criolipolisi?
Solitamente una significativa riduzione del grasso è misurabile in 1-4 mesi dopo un singolo trattamento.

Quanti trattamenti si devono fare?
Con una seduta viene rimosso circa il 20% del grasso localizzato. Bisogna attendere circa 2 mesi tra ogni trattamento se si desidera ripeterlo.

I risultati della criolipolisi sono permanenti?
I pazienti mostrano una persistente riduzione del grasso anche 6 mesi dopo la procedura. E 'stato dimostrato che le cellule rimosse attraverso la procedura ed i lipidi vengono assorbiti gradualmente attraverso il metabolismo naturale. I risultati nel tempo dipendono quindi dallo stile di vita del paziente e sono gli stessi di una tecnica come la liposuzione.

Quanto costa un trattamento con la criolipolisi?
Alcuni centri estetiti la propongono a 1500 euro, altri a 800, dipende dalla fama dello stesso, dalla professionalità e anche dalla città ove si decide di effettuarlo. A Milano o Bologna probabilmente costerà di più che a Roma, Napoli o Catania.

Dimetilamilamina per Aumentare concentrazione e perdere peso

Droghe è sostanze dopanti come la Dimetilamilamina (DMAA) stanno sempre più prendendo piede per migliorare le prestazioni sportive, per aumentare la concentrazione in vista di studio esame o lavoro, per perdere peso ma anche per "essere stimolati" in una serata in discoteca.

E' da ricordare che è considerata dopante e lo è dal 2009, quando la World Anti Doping Agency (Wada( l'ha inserita nella sua "black list" e l'Italia l'ha seguita. Brevettata nel 1944 dall'industria farmaceutica Eli Lilly, la DMAA veniva utilizzata per il trattamento delle congestioni nasali e come tale in grado si agire direttamente sui vasi sanguigni della mucosa nasale, provocandone la contrazione, la cosiddetta vasocostrizione.
La Dimetilamilamina ha un'attività stimolante del sistema centrale nervoso, simile a quella delle anfetamine.Tuttavia il suo impiego è stato abbandonato perchè ci si è resi conto che i rischi erano maggiori dei benefici.

Gli effetti collaterali connessi alla sostanza sono di tipo cardiovascolare e cerebrovascolare: emicrania, nausea, ipertensione, insonnia e in un caso perfino di ictus.E tuttavia, abbandonata per la funzione decongestionante, la dimetilamilammina è tornata alla ribalta come integratore alimentare in combinazione con la caffeina, come integratore termogenico o, in generale, come stimolante. E in quanto tale è utilizzata nell'ambiente del body building dove viene descritta come simile al l'efedrina (l'accomuna il fatto di essere una sostanza stimolante) in grado di attivare la riduzione dell'appetito e l'azione termogenica (aumento di calore corporeo e conseguente riduzione di grasso).

Le pillole contenenti dimetilamilamina stanno emergendo anche come uno degli ingredienti di stimolanti sintetici, le "party pill", e in questa forma ha già causato la morte di un ventunenne neozelandese colpito da un'emorragia cerebrale dopo aver assunto una "party pill" a base di DMAA.

La discussione sui suoi effetti riempie diversi forum on line in cui i consumatori di DMAA riportano opinioni contrastanti. Alcuni riferiscono una forte euforia già a piccole dose (la dose consigliata è di 25 mg assunti da l a 3 volte al giorno). Allo svanire dell'effetto "high" restano solamente una leggera emicrania e una sensazione di smarrimento.
Altri dichiarano, invece, diversi e più preoccupanti effetti: una forte sensazione di avvelenamento,vomito, forte emicrania, brividi.
Sul web molti sono i siti che vendono pillole a base di DMAA che comunque è una sostanza illegale in Italia per cui le farmacie online che le offrono sono straniere.